• Lubrichimica S.p.A.

    Lubrichimica S.p.A.

  • Lubrichimica S.p.A.

    Lubrichimica S.p.A.

  • Lubrichimica S.p.A.

    Lubrichimica S.p.A.

  • Lubrichimica S.p.A.

    Lubrichimica S.p.A.

  • Lubrichimica S.p.A.

    Lubrichimica S.p.A.

  • Lubrichimica S.p.A.

    Lubrichimica S.p.A.

Benvenuti in Lubrichimica

 DSC2255Da oltre trentanni la Lubrichimica svolge attivita’ di servizi e commercializzazione di prodotti chimici e petroliferi, operando nel settore dei lubrificanti e della pulizia professionale offrendo una vasta gamma di prodotti in grado di soddisfare qualunque tipo di richiesta e qualsiasi esigenza qualitativa . I signori Bisanti hanno iniziato insieme l’entusiasmante avventura lubrichimica. Oggi dirigono l’azienda coadiuvati dal figlio Orfeo che rappresenta la continuita’ e segue il reparto amministrativo , la logistica ed il trasporto, da Antonio, che cura il settore acquisti e le vendite dirette, da Nicola e Leo che coordinano gli agenti ed il team tecnico.

Intorno a loro il prezioso lavoro di tutto il personale amministrativo,commerciale, tecnico e logistico che forma un formidabile gruppo, unito dal raggiungimento di un unico obiettivo : la completa soddisfazione del cliente.

Lubrificanti. Cosa sono?

 DSC2517
I lubrificanti liquidi od oli lubrificanti sono miscele complesse di idrocarburi paraffinici, aromatici e naftenici con peso molecolare compreso tra 250 e 1000. Derivati dal petrolio e in particolare da tagli molto viscosi, come i residui della distillazione primaria (topping) poi ridistillati sotto vuoto, o da tagli poco viscosi come gasoli di testa dalla distillazione sotto vuoto o gasoli pesanti da topping, richiedono una serie di operazioni diraffinazioneasportazione di composti naftenici e aromatici instabili che darebbero luogo a formazione di gomme o a residui carboniosi; separazione dei composti paraffinici che abbiano un elevato punto di solidificazione; asportazione delle rimanenti tracce di composti resinosi che originerebbero nel tempo una alterazione del colore; additivazione di antiossidanti, inibitori di corrosione, composti antifrizione per aumentare il potere lubrificante, detergenti che adsorbano le morchie insolubili in olio e le mantengano in sospensione, deprimenti del punto di congelamento, miglioratori dell’indice di viscosità, per rendere la viscosità del lubrificante meno sensibile alla temperatura, inibitori di schiuma per impedire che l’aria inglobata nel lubrificante durante l’esercizio generi schiuma (polimeri siliconici). La capacità di lubrificazione degli oli è strettamente legata alla viscosità e in particolare al suo comportamento in funzione della temperatura. Per gli impieghi industriali e in campo automobilistico è spesso importante che un olio riesca a mantenere la sua viscosità fino a temperature di 100-120 ºC, pur avendo una relativamente bassa viscosità a temperatura ambiente. Per gli impieghi in aviazione e in campo militare, al di fuori dell’intervallo –25 ºC +125 ºC si ricorre a oli sintetici con punto di congelamento inferiore a –25 ºC e che non si ossidino rapidamente sopra 125 ºC. Tra questi si usano i metilsiliconi, utilizzabili sino a 300 ºC, con punto di congelamento –70 ºC e con ridottissima variazione di viscosità, gli esteri fosfatici, i poliglicoli e diversi esteri organici.

Ferrari day 2015

IMG 2923
IMG 2922
IMG 2920
IMG 2913
IMG 2910
IMG 2904
IMG 2898
IMG 2896
IMG 2895
IMG 2891
IMG 0161
IMG 0140
IMG 0137
IMG 0131
IMG 0123
IMG 0115
IMG 0113
IMG 0100
IMG 0098
IMG 0096
IMG 0095
IMG 0085
IMG 0083
IMG 0081
IMG 0080
IMG 0077
IMG 0062
IMG 0054
IMG 0051